Latte UHT per una maggiore sicurezza di consumo


Per la sicurezza di tutta la famiglia è opportuno consumare solo latte UHT. Dopo un particolare processo di sterilizzazione, il latte UHT è pronto per un utilizzo sicuro.



Latte UHT per una maggiore sicurezza di consumo


Il latte è fra gli alimenti più completi e preziosi che da sempre hanno aiutato l'uomo e gli animali nella sopravvivenza. In ogni epoca, società e luogo del mondo, questo prezioso nettare bianco ha costituito buona parte della totale alimentazione. Oggi certamente se ne fa un uso molto diverso, ma resta sempre insostituibile compagno di colazioni, merende e spuntini, ma anche prezioso ingrediente per la preparazione di moltissimi piatti. Si sente spesso parlare di latte UHT, ma cos'è?
 

Il latte UHT, dall'inglese Ultra High Temperature, subisce un particolare processo di sterilizzazione attraverso il suo riscaldamento fino a 135°C con il vapore acqueo per un tempo non inferiore al secondo. Successivamente si procede al raffreddamento fino a 15-20°C per poi passare all'imbottigliamento in contenitori sterili chiusi ermeticamente. Il latte UHT naturalmente viene considerato molto più sicuro di quello normale in quanto consente la distruzione, seppur non totale, di microorganismi in grado di riprodursi che possono causare danni al prodotto e a chi lo ingerisce. Sulle confezioni di latte UHT che acquistiamo deve essere obbligatoriamente riportata la data di scadenza in modo che il consumatore possa utilizzare tranquillamente il prodotto. Fra i produttori di latte UHT troviamo il Caseificio Cissva di Capo di Ponte in Vallecamonica. Da sempre attentissimo produttore di formaggi e prodotti caseari, l'azienda annovera nella produzione latte intero e parzialmente scremato di ottima qualità. 
11/04/2011