Fomaggi magri anche in dieta, senza rinunce

"Stop a pane, pasta, formaggio e bibite gassate in dieta"... questo è quello che sentiamo aprendo la porta del nutrizionista. Ma non è così.

Il problema obesità in Italia


Secondo l'Osservasalute, in Italia più di un terzo della popolazione adulta (circa 35%) risulta in sovrappeso mentre una persona su 10 è obesa. In generale, il 45% delle persone sopra i diciotto anni di età è in eccesso ponderale. Per quanto riguarda invece la distribuzione geografica, risulta più grave il problema nelle regioni del sud rispetto a quelle del centro ed infine nel nord.
Parliamo anche dei bambini, perchè non è assolutamente da sottovalutare il dato che riguarda l'obesità infantile: tra i 6 e i 10 anni registriamo il 9% di bambini obesi e il 22% di bambini in sovrappeso.

Le cause dell'obesità
*     genetica: per ciò che concerne i geni, non si può ovviamente intervenire. Proprio per questo è ancora più importante seguire uno stile di vita e un'alimentazione corretta.
*     sedentarietà: scarsa attività fisica, movimento sempre in auto e non in bicicletta o a piedi, poco sport a vantaggio di tv, telefono e tecnologie varie.
*    alimentazione scorretta: mancanza di equilibrio nei pasti, mancata prima colazione, mancati spuntini tra i pasti, poca frutta e verdura, eccesso di zuccheri e bibite gassate, preferenza a cibi pronti e conservati.
 

Il giusto stile di vita
 

*     L'ALIMENTAZIONE: abbiamo bisogno di oltre 40 nutrimenti diversi per essere sani, variare gli alimenti è fondamentale. E' importante anche avere equilibrio, quindi prevedere 5/6 porzioni di frutta e verdura al giorno, assumere carboidrati ad ogni pasto meglio se ricchi di fibre. Sostituire i grassi complessi e saturi con quelli insaturi, quindi cuocere il cibo al vapore o al forno piuttosto che nell'olio della frittura oppure abbondare con il consumo di pesce rispetto alla carne. E per quanto riguarda invece sale e zucchero? Sì, è necessario ridurli il più possibile per diminuire il rischio di ipertensione e malattie cardiovascolari. Forse non tutti sanno che mangiare più spesso fa bene, non bisogna mai saltare la prima colazione ed è importante anche fare degli spuntini tra i pasti principali.
Arriviamo anche all'argomento acqua: negli adulti il fabbisogno giornaliero varia da 1,5 a 2 litri al giorno, di più se si fa sport o se fa molto caldo. Evitate tutte le bevande dolci o gassate, preferite l'acqua, anche aromatizzata con frutta o infusi.

*     MOVIMENTO: è essenziale trovare e mantenere il proprio peso forma che dipende dal sesso, dall'età, dall'altezza e dalla genetica. Essere attivi deve diventare un'abitudine, ma non solo per quanto riguarda lo sport, ma in ogni momento della propria giornata. Preferite le scale all'ascensore, la bicicletta all'auto, la passeggiata al film in tv e via dicendo. L'attività fisica aiuta a bruciare le calorie in eccesso, fa bene al cuore e alla circolazione, aumenta la massa muscolare e migliora anche la concentrazione.
Quando iniziare? Subito! Con cambiamenti graduali ovviamente, sarà semplice trovare il vostro equilibrio, iniziate dalle piccole cose ma fatelo ora, non rimandate.

 

I formaggi consentiti in dieta

Parliamo ora dei formaggi che sono un alimento essenziale per la tradizione culinaria italiana, non mancano mai sulle nostre tavole. Generalmente, la prima cosa che pensiamo sentendo la parola dieta è: stop ai formaggi, stop alla pasta. Ma non è così.
Il mondo dei latticini è talmente vasto e variegato che vi consente di scegliere il meglio per voi. No quindi alle rinunce, no all'eliminazione drastica e permanente di un alimento dalla vostra dieta, soprattutto se prima ne mangiavate in grandi quantità. Impariamo a conoscere le caratteristiche dei formaggi e a sceglierli in base non solo al gusto ma anche alle loro caratteristiche.
I FORMAGGI STAGIONATI sono una sorta di concentrato di latte, sono ricchi di proteine e hanno un'elevato valore nutrizionale. C'è un però, hanno un'alta concentrazione di grassi ed in particolar modo di colesterolo, quindi attenzione alle dosi.
I FORMAGGI FRESCHI vanno benissimo, ad esempio la ricotta o i fiocchi di latte sono particolarmente indicati in dieta. Ma anche qui c'è un però, saziano molto meno rispetto ad un formaggio consistente e le statistiche dicono che mangiamo più formaggio se è freddo, quindi meglio tirarlo fuori dal frigo una mezz'ora prima.
 

Ol Magrot di CISSVA

Spesso nel reparto dei freschi del supermercato troviamo formaggi magri per la dieta... ma li avete assaggiati? La maggior parte risultano insapore, inconsistenti, assolutamente non invitanti e forse per questo sono adeguati per la dieta, alla fine non li mangiamo! Il caseificio in provincia di Brescia CISSVA è particolarmente attento alle esigenze della propria clientela e ha deciso in questi anni di produrre un formaggio magro che rispettasse i regimi ipocalorici senza però cancellare il gusto e il sapore. Stiamo parlando di Ol Magrot, il formaggio per la dieta per eccellenza, una formaggella che non ha nulla da invidiare agli altri prodotti CISSVA, buona, saporita, profumata, perfetta per qualsiasi momento della giornata, altamente digeribile e con un piccolissimo apporto calorico.
Mangiando un pezzo di Ol Magrot potrete sentire il sapore del latte di montagna perchè la materia prima è di eccellente qualità, la lavorazione ben studiata per ridurre i grassi e i risultati si sentono!

Caratteristiche: formaggio a pasta semicotta prodotto con latte scremato in centrifuga, salatura in salamoia per 1 ora, stagionatura dai 10 ai 40 giorni; forma rotonda, classica, peso medio 1,2 kg; colore bianco avorio, consistenza morbida e cremosa, crosta leggera e non edibile. Per 100gr di prodotto 386 Kcal, 1619 KJ, grassi 28,59 gr di cui 15,50 saturi, carboidrati 0,6 gr di cui meno dello 0,02 di zuccheri, proteine 32,2 gr, sale 1,73 gr. Temperatura di conservazione da 0°C a 6°C.

 

Quanto formaggio mangiare?

Come abbiamo detto prima, tutto varia in base a fattori come fabbisogno nutrizionale, condizioni cliniche, sovrappeso, stile di vita, alimentazione ipocalorica e quant'altro. In generale, possiamo dire che il consiglio è consumare una porzione di formaggio 2 volte a settimana. Uno studio recente avrebbe dimostrato che il consumo quotidiano di circa 40gr di formaggio al giorno potrebbe avere benefici anche alla salute cardiovascolare.
Detto questo, anche se dovete seguire una particolare dieta, informatevi con il vostro nutrizionista, non eliminate nulla e fate inserire questo straordinario formaggio magro nella vostra “tabella di marcia”.
 


Vedi anche
11/01/2016
11/04/2017
11/06/2015
11/06/2016
11/09/2016
11/08/2015